Per offrirvi una migliore esperienza di navigazione il nostro sito utilizza dei cookies di tipo tecnico che non contengono informazioni personali o che possono identificare l'utente.
Se non intendete acconsentire all'uso dei cookie potete disabilitarne l'uso per questo sito. Alcune pagine potrebbero contenere plugin o collegamenti a siti esterni che contengono cookie
di profilazione su cui non abbiamo controllo. Per maggiori informazioni consultate l'informativa della privacy nell'apposita sezione.
Cliccate qui per chiudere permamentemente questo avviso

Istituto Comprensivo Carlo Ridolfi

Regolamento Disciplinare

Regolamento Disciplinare

REGOLAMENTO ALUNNI DELL' ISTITUTO COMPRENSIVO “C. RIDOLFI”

 

Principi della comunità scolastica

1. La scuola è luogo di formazione e di educazione al rispetto reciproco tra le persone: a questo principio tutti ispireranno il loro parlare e il loro agire: dirigente scolastico, docenti, personale a.t.a. e alunni.

2. La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale: in essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opererà responsabilmente per favorire un clima sereno,

favorevole alla crescita della persona e alla realizzazione del diritto allo studio.

3. La scuola deve creare le condizioni adatte e congruenti perché ciascun alunno cresca in tutte le dimensioni e sviluppi le sue specifiche potenzialità, proponendo la personalizzazione dei percorsi formativi dove si renda necessario, in accordo con la famiglia. Ai fini di garantire il successo formativo e scolastico di ogni alunno, gli insegnanti avranno cura di valorizzare e promuovere ogni progresso, sforzo e atteggiamento positivo.

4. La famiglia è interlocutore privilegiato e partecipa all’attuazione della progettualità educativa degli alunni e degli studenti. La collaborazione e la partecipazione è indispensabile per garantire il rispetto delle norme di regolamento e la sua efficacia pedagogica.

5. Gli alunni hanno il dovere di impegnarsi in modo attivo e responsabile nelle diverse occasioni di apprendimento offerte dalla scuola.

6. Gli alunni condividono la responsabilità di rendere accogliente l’ambiente scolastico e di averne cura come importante fattore di qualità della vita della scuola.

 

REGOLAMENTO ALUNNI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA

 

Ingresso. Al suono della campanella gli alunni devono entrare a scuola camminando, accompagnando l’eventuale bicicletta a mano fino al portabiciclette. Si raggruppano nello spazio riservato alla propria classe ed entrano accompagnati dai rispettivi insegnanti.

 

Intervallo. E’ previsto un intervallo di 15 minuti, durante il quale vanno rispettate le seguenti regole:

- la ricreazione si svolge in cortile e all’interno della scuola;

- chi non si sente bene rimane all’interno dell’edificio, sorvegliato dal personale scolastico;

- si possono utilizzare solo i servizi al piano terra;

- sono ammessi solo giochi non pericolosi per la propria e l’altrui incolumità, come elencato nei regolamenti dei singoli plessi;

- occorre rispettare i compagni, gli insegnanti e i collaboratori;

- si rispettano gli edifici, gli oggetti, la natura;

- si pratica la raccolta differenziata dei rifiuti, utilizzando gli appositi contenitori;

Al suono della campana gli alunni si raggruppano per classi negli appositi spazi ed entrano accompagnati dai rispettivi insegnanti.

 

Uscita alunni. Al termine delle lezioni gli alunni abbandonano le aule, che debbono essere lasciate in ordine per preservarne il decoro, e vengono accompagnati dall’insegnante fino all’uscita. La bicicletta deve essere accompagnata a mano.

 

Spostamenti durante le lezioni. I permessi di uscita dall’aula durante le lezioni devono limitarsi a casi di effettiva necessità, preferibilmente durante il cambio dell’ora. Comunque gli alunni usciranno solo uno per volta. Gli spostamenti delle scolaresche e dei gruppi all’interno della scuola per motivi didattici esigono ordine e silenzio, nonché il controllo dell’insegnante.

 

Permessi di uscita. Ogni ritardo deve essere giustificato dai genitori. Nel caso in cui un alunno si presenti a scuola in ritardo e senza giustificazione, verrà ammesso in classe con l’obbligo di portare la giustificazione il giorno successivo.

L’uscita anticipata, previa presentazione di richiesta, è consentita solo se gli alunni sono prelevati direttamente da un genitore o da persona maggiorenne, delegata per il tramite di apposito modulo, da conservare nel diario personale.

 

Rientri pomeridiani. L’alunno che, per qualunque motivo, si assenti dalle lezioni pomeridiane dovrà esibire la richiesta di uscita anticipata all’insegnante della prima ora.

 

Giustificazione e assenze.  Gli alunni rimasti assenti sono riammessi a scuola previa presentazione di una giustificazione scritta dei genitori. Per le assenze per malattia oltre i cinque giorni di scuola è richiesto anche il certificato medico. Le giustificazioni sono firmate dall’insegnante della prima ora.

 

AMBITO DI INTERVENTO

COMPORTAMENTO DA CORREGGERE

SANZIONI

IN PROGRESSIONE

ORGANI COMPETENTI

1. Frequenza delle lezioni

- ritardi ripetuti

- mancata presentazione della giustificazione o del certificato medico

- elevato numero di assenze

1. richiamo verbale e obbligo di portare la giustificazione/certificato medico il giorno successivo

2. informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro

3. richiamo scritto del Dirigente su segnalazione del Consiglio di classe/del Team docenti

DOCENTE

 

 

 

 

 

 

DIRIGENTE

2. Assolvimento del lavoro scolastico

 

 

 

- mancato o parziale svolgimento dei compiti

- mancanza del materiale scolastico

1. informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro

2. convocazione dei genitori

DOCENTE

3. Rispetto delle disposizioni organizzative e delle strutture della scuola, dell’ambiente e dell’arredo

- uscire dalla classe senza il permesso dell’insegnante

- muoversi in disordine negli spostamenti interni e/o esterni

- spostarsi negli spazi comuni correndo e/o spingendo

- lasciare in disordine l’aula, i corridoi, i bagni

- lasciare rifiuti sparsi nel cortile

- procurare danno volontario all’edificio, ai materiali, alle attrezzature

1. richiamo dell’insegnante

2. nota scritta sul diario e sul registro

3. eventuale sospensione dall’intervallo

4. convocazione dei genitori

5. richiamo del Dirigente Scolastico o suo delegato

6. risarcimento del danno per qualsiasi tipo di rottura

 

 

 

DOCENTE

 

 

 

 

 

 

DIRIGENTE

4. Rispetto delle cose degli altri

- rubare ad altri materiale scolastico e non scolastico

 

1. restituzione dell’oggetto rubato

2. nota scritta sul diario e sul registro

3. sospensione dalle lezioni

DOCENTE

 

 

 

CONSIGLIO DI CLASSE/TEAM DOCENTI

5. Rispetto delle disposizioni riguardanti la sicurezza

-violazione delle norme di sicurezza e dei regolamenti dei laboratori e degli spazi attrezzati

1.informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro

2. eventuale sospensione dalle attività  organizzate dalla scuola

3. sospensione dalle lezioni

DOCENTE

 

 

 

 

 

CONSIGLIO DI CLASSE/TEAM DOCENTI

- infrazione del divieto di fumare all’interno della scuola (anche sigarette elettroniche)

- introduzione nella scuola di alcolici e/o droghe

1.multa secondo la normativa vigente e ammonizione scritta sul diario e sul registro

2. nei casi di reiterazione, raddoppio della multa

3.sospensione dalle lezioni

DOCENTE

DIRIGENTE

SCOLASTICO

 

 

 

CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

- introduzione a scuola di oggetti pericolosi

1. informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro e confisca dell’oggetto

2. sospensione dalle lezioni

DOCENTE

 

 

 

CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

6. Rispetto degli altri: adulti e compagni

 

 

 

- uso di parole, comportamenti e gesti non corretti e/o offensivi

- esposizione di simboli che offendono la dignità delle persone

 

1. formulazione di scuse che dimostrino di aver preso consapevolezza della gravità del gesto

2. informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro

3. eventuale sospensione dalle attività organizzate dalla scuola

DOCENTE

 

 

 

 

 

 

CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

 

- insulto razziale, minaccia verbale e/o fisica, bestemmie

- ricorso alla violenza, comportamenti aggressivi

4.immediata sospensione dalle lezioni

CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

7. Utilizzo adeguato di Internet/LIM

- utilizzo improprio di Internet/LIM

1. richiamo dell’insegnante

2.informazione scritta alle famiglie sul diario e sul registro

3. eventuale sospensione dalle attività  organizzate dalla scuola

DOCENTE

 

8. Utilizzo di cellulari e altri dispositivi elettronici durante le attività didattiche

- presenza del cellulare o di altri dispositivi elettronici all’interno della scuola (anche il cortile) non autorizzata

1. ritiro immediato del cellulare o del dispositivo elettronico da parte del docente che ne ha constatato la presenza, avviso sul diario ai genitori per il ritiro del cellulare entro la giornata stessa.

DOCENTE

 

 

 

 

 

 

- violazione del diritto alla protezione dei dati personali con divulgazione in rete di video, audio, foto,… effettuati all’interno dell’edificio scolastico o durante attività organizzate dalla scuola

1. sospensione dalle lezioni per un periodo inferiore a 15 giorni

 

 

2. sospensione dalle lezioni per un periodo superiore a 15 giorni

DIRIGENTE/ CONSIGLIO DI CLASSE/ TEAM DOCENTI

 

CONSIGLIO D’ISTITUTO

Il Dirigente Scolastico, i docenti, il Consiglio di classe, il team docenti hanno facoltà di stabilire sanzioni anche per comportamenti non compresi nel presente regolamento.

 

Il Dirigente  può decidere la sospensione di un alunno in autonomia, senza convocare il CdC, se è reputata la necessità di intervento tempestivo a fronte di episodi accertati e di particolar gravità  di effrazione del Regolamento disciplinare.

 

PROCEDURE in caso di sanzioni comminate dai docenti o dal Dirigente Scolastico:

Siti Tematici
La scuola in chiaro